Search Google Appliance

Esame finale di laurea

Caratteristiche della prova finale

La prova finale, alla quale sono assegnati 6 CFU, consiste nella redazione di un elaborato scritto su un argomento di carattere teorico o pratico nell’ambito delle attività formative del corso di laurea. L’argomento viene concordato con un docente che assume il ruolo di relatore.

Nella prova finale lo studente deve dimostrare di avere adeguata conoscenza e comprensione dell’argomento oggetto di analisi, capacità di applicare conoscenza e comprensione, autonoma capacità di sintesi e rielaborazione.

L’elaborato viene valutato da una Commissione, composta da non meno di cinque docenti, che procede all’assegnazione di un punteggio che, in ogni caso, non può essere superiore a sei punti e procede, altresì, alla valutazione dell’intero percorso di studi del candidato, cui può attribuire un ulteriore punteggio di merito che, in ogni caso, non può superare i quattro punti per gli studenti in corso e i due punti per quelli fuori corso.

La proclamazione e la consegna del diploma di laurea sono pubblici e si svolgono al termine di ciascuna sessione di laurea.

 

Modalità di svolgimento della prova finale

Lo studente può chiedere di svolgere il suo lavoro di tesi in qualsiasi materia attivata presso il CdS, a condizione che abbia sostenuto la relativa prova d'esame.
Con l'ausilio di un docente che assume il ruolo di relatore, lo studente procede all'individuazione di un argomento di carattere teorico o pratico, eventualmente connesso all'attività di stage, congruente con gli obiettivi formativi specifici del CdS.
Nei termini richiesti, lo studente deve depositare presso la competente struttura didattica, apposito modulo, contenente l'indicazione del tema, sottoscritto dal docente-relatore.
 
L'attività di ricerca e di studio svolta sotto la supervisione del docente-relatore si conclude con la redazione di un breve elaborato scritto sull'argomento oggetto del lavoro di tesi (orientativamente dalle venti alle cinquanta cartelle), nel quale il laureando deve dar prova di capacità di analizzare sinteticamente la tematica oggetto dell'elaborato, coerenza logica ed argomentativa, correttezza linguistica.
 
Una Commissione di laurea nominata dalla Scuola delle Scienze economiche, aziendali e sociologiche, composta da non meno di cinque docenti, procede:
- alla valutazione dell'elaborato scritto illustrato dal docente-relatore, con assegnazione di un punteggio non superiore a sei punti;
- alla valutazione dell'intero percorso di studi del candidato, con attribuzione di un punteggio di merito, non superiore a quattro punti per gli studenti in corso e a due punti per quelli fuori corso. Ai fini dell'attribuzione del punteggio relativo al percorso di studi (fino a quattro punti, superando la distinzione tra gli studenti in corso e fuori corso), la Commissione di laurea attribuisce rilievo al soggiorno di studi Erasmus, con conseguimento di un numero minimo di quindici CFU.
 
Lo scopo del punteggio premiale è quello di incentivare il mantenimento degli studenti in corso e di ridurre, conseguentemente, il numero degli studenti fuori corso, nonché di favorire la partecipazione degli studenti alla mobilità Erasmus.
 
I punti assegnati dalla Commissione si aggiungono al punteggio risultante dalla media degli esami sostenuti approssimata per eccesso. La votazione finale viene espressa in centodecimi. Al candidato che ottiene il massimo punteggio può, all'unanimità, essere attribuita la lode.
 
La proclamazione e consegna del diploma di laurea, avvengono in seduta pubblica al termine di ciascuna sessione di laurea.
 

 MODULISTICA E COMMISSIONI TESI DI LAUREA 

 

Le date e le commissioni di laurea sono consultabili nel sito della Scuola, nelle pagine: